domenica 21 dicembre 2008

Paghi tre prendi una (solenne fregatura).

La sentenza dello scandalo Parmalat che manda tutti assolti e condanna il solo Tanzi, e' una di quelle sentenze che non si puo' non pensare che sia "teleguidata".

Innanzitutto mettetevi l'anima in pace: nonostante tutti i giornali e telegiornali abbiano sparato "Tanzi condannato a 10 anni di carcere", il truffatore di Parma non vedra' mai il carcere. Fra appelli e ricorsi ci vorranno anni e siccome presto superera' l'eta' per il carcere, non ci andra' mai.

La cosa peggiore e' che non essendoci altri colpevoli, migliaia di cittadini truffati non potranno ricevere indennizzi. Quindi le banche che hanno prestato miliardi alla Parmalat sulla base di documenti falsi costruiti con scanner e fotocopiatrice (che avrebbe scoperto un qualsiasi ragioniere al primo giorno di lavoro), facendo guadagni enormi su commissioni ed interessi, che hanno rifilato il bidone "azioni Parmalat" ai loro clienti guadagnando ancora, non sono colpevoli di nulla.

E' impossibile credere che le banche siano solo vittime dei raggiri di Tanzi. Non ci crede nessuno.

Il risultato comunque e' che Tanzi non fara' un giorno di prigione, i suoi soldi sono sicuramente al sicuro in conti esteri, le banche non rimborseranno nessuno e tutta la gente che si e' rovinata con la Parmalat e sperava di recuperare qualcosa, e' stata fregata tre volte, da Tanzi, dalle banche e dalla "giustizia" italiana.


.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Signori purtroppo ci troviamo con un presidente del consiglio implicato in svariati processi,da cui ne esce solo con leggi ad HOC,e con suoi colleghi (truffatori della gente )che sfruttano la sua potenza politica e di danaro per uscire indenni da qualsiasi situazione.
E' necessario una ripulita fisico-morale da queste persone. Uniamoci e cacciamoli!!!!!

vincenza perilli ha detto...

Io ci sto ... fatemi un fischi quando siete ront*, ma dovremmo inventarci qualcosa di altamente simbolico e dirompente per riuscirci, qualcosa alla al-Zaidi ...
v.
PS: eh, Enzo lo so che manca ancora un sacco a Capodanno, ma ho sempre paura do non riuscire a fare tutto quello che vorrei (fossero anche gli auguri a un caro amico ...) e allora ho la tendenza ad anticipare ....