sabato 7 agosto 2010

Venghino signori, venghino.

"Ma hai sentito che forse ci saranno le elezioni?"
"Non me lo ricordare, ed ora che cazzo facciamo?"



Venghino signori, venghino.

Ad ammirare le incredibili storie del Belpaese, dell'Itaglia del nuovo ventennio berlusconiano. Dopo aver visto un ministro che serio serio giurava di essersi ritrovato qualcuno che a sua insaputa gli aveva comprato casa, sembrava di aver raggiunto l'apice.
Ma il nostro è un paese surreale, fatto di poeti, navigatori e malfattori fantasiosissimi. Cosi' ecco Gaucci che dichiara di aver vinto due miliardi alla lotteria e di averli dati alla sua amatissima e innamoratissima fidanzata che a sua volta dice di averli vinti lei e di averli dati lei a lui per "farli fruttare". E con una parte di quei soldi, essersi comprata una casa a Montecarlo, a prezzi da monolocale a Quarto Oggiaro, lasciata in eredita' ai neofasci da una nobildonna nera.
Che il suo compagno fosse all'epoca il capo dei neofasci e' pura coincidenza, vero?.
E lui, il neofascio in doppiopetto, complice da 16 anni di un regime di malavitosi, che come un principe azzurro all'incontrario si sveglia dopo un lungo sonno e scopre che sono dei cattivoni. Che sorpresa!
Poi c'è La Russa, un ministro neofascio e neoscendiletto del pornoduce, che non vuole che i rappresentanti di un governo neofascio vadano a commemorare le vittime di un attentato fascista perchè sennò li fischiano.
Poi c'è un tipo in camicia verde in evidente stato di alterazione mentale, farfugliando chiama ventimilioni di "padani" in piazza se si scioglie il governo prima di aver fatto il federalismo, però poi si dimentica di dire cos'e' in pratica e quanto ci costera' "il federalismo".
Poi c'è Casini, un cattolico di stretta osservanza ma multifamiliare, presenza inutile ieri come oggi, che era impegnato a votare tutte le leggi porcata di due governi fa del nano mafioso, ma ora accusa di squadrismo i giornalisti zerbini della famigghia di Arcore e sogna una nuova balenottera bianca.
Poi c'è D'Alema, una sconfitta coi baffi, che e' terrorizzato dall'idea di nuove elezioni e di fronte agli umori della gente che vede in Vendola l'ultima speranza per salvare il salvabile, invece che investirlo immediatamente come leader dell'opposizione lo investe con la macchina (o al massimo lo manda a fare il sindaco di Bologna).
Venghino Signori, venghino ad ammirare il "gran ronfante" del Quirinale che si sveglia solo per dire (come il pastore tedesco del Vaticano) che dobbiamo essere tutti piu' bravi e piu' buoni.
Lo spettacolo e' "work in progress", ogni replica uno spettacolo nuovo.










.

3 commenti:

Ibadeth ha detto...

Lo spettacolo è pietoso, direi, e anche un tantinello inquietante.

No Berlusconi Day 2 ha detto...

Appello per il No Berlusconi Day 2 al blog “Angelo del Fango” e ai suoi lettori.

Cari amici è arrivato il momento di replicare, di scendere un’altra volta in piazza, democraticamente e civilmente. E’ arrivato il momento perché i cattivi vincono soltanto quando i buoni smettono di lottare.

A quasi un anno dalla prima edizione di nuovo in piazza per dire NO a Berlusconi, con l'augurio che non ci sia bisogno di una terza edizione.

Un sentito ringraziamento per la gentile ospitalità e collaborazione.

Il Blog di Mimmo Guarino
http://www.mimmoguarino.it/

moisimplement ha detto...

solo per salutarti, era tanto che non passavo più di qua :-)
tutto bene? spero tu sia nella tua terra (ci ho passato le vacanze anche quest'anno!) a ricaricare le batterie!
un bacione