venerdì 12 novembre 2010

Comunicato stampa del ministero delle finanze, non usiamo la parola puttanelle, ma peripatetiche minorenni.



Se volete farvi un'idea dell'infimo livello a cui si e' ridotta la politica ed il governo italiano in particolare, leggete questo comunicato stampa del ministero delle finanze.
Puttanelle, dice proprio puttanelle.
Il comunicato e' ancora visibile online sul sito del ministero a questo indirizzo.

Poi, a proposito di puttanelle, nei labirinti delle frasi fatte della burocrazia da questura, si stanno perdendo dei punti fermi da tenere ben presente nella vicenda Ruby, a prescindere.
Riassumendo brevemente, dunque la ragazzina marocchina e minorenne viene arrestata perche' c'e' una denuncia di furto nei suoi confronti.
La sua convivente, una prostituta brasiliana, telefona al pornoduce e quest'ultimo telefona in questura facendo pressioni per farla uscire subito e facendola passare per la nipote di Mubarak.
Il magistrato del tribunale dei minori, vuole che sia trattenuta in questura o affidata ad una comunita'.
Invece berlusconi telefona ed insiste che venga affidata a Nicole Minetti, "consigliere della presidenza del consiglio".
E cosi' avviene, a tarda notte Ruby viene rilasciata nelle mani della Minetti che invece di far fede all'affido, la lascia ancora a casa della prostituta brasiliana con cui Ruby litiga e ritorna in questura facendo scoppiare il bubbone.

1) E' normale che una prostituta brasiliana abbia il cellulare diretto del presidente del consiglio?
2) E' normale che appena chiamato, silvietto si dia da fare come un matto arrivando a mentire spudoratamente "e' la nipote di Mubarak" per far uscire Ruby? Di cosa ha paura? Cosa potrebbe dire Ruby in questura?
3) E' normale che una signorina, famosa solo per aver fatto la scosciata in Tv, come la Minetti diventi un consigliere regionale? Per quali meriti, perche' piace al vecchio porco?
4) Altra bugia, la Minetti non ha nessun incarico presso la presidenza del consiglio, tantomeno ne e' consigliere. Al massimo ne e' stato consulente all'accoppiamento.
5) La Minetti, nonostante l'affido della minorenne, che non e' una cosa leggera ma la rende responsabile della minore verso la legge, appena in strada abbandona Ruby al suo destino con la sua coinquilina, la prostituta brasiliana con il cellulare pieno di numeri importanti.
6) Nonostante tutte queste incongruenze, il ministro (du') maroni ed il procuratore bruti liberati, hanno cercato di insabbiare il tutto con comunicati del tipo "tutto ok! tutto chiarito!".
Invece la pm dei minori, Fiorillo, ha avuto un conato di vomito nel sentire le facce di tolla dichiarare quelle cose in parlamento ed ha ribattuto punto per punto le bugie del ministro macchietta e del procuratore con la schiena piegata.

Che il vecchio puttaniere e pedofilo si accoppi nei suoi villoni con chiunque riesce a comprare e' un conto.
Ma se per farlo veniamo a scoprire che usa la sua carica pubblica per cercare di coprire e proteggere i suoi schifosi maneggi con una minorenne, allora non sono piu' fatti suoi ma diventano di tutti.
E' un uomo malato, un maniaco fissato che vuole ragazzine sempre piu' giovani che non puo' piu' ricoprire cariche pubbliche, va interdetto.
La pentola che si e' scoperchiata delle ragazzine comprate come pacchi regalo e consegnate direttamente al maniaco di Arcore, e' nauseante, puzza.
Ed e' una puzza che dovrebbe far risvegliare ogni coscienza libera di questo paese e far si che si ritiri per sempre ad Antigua, con tutti i soldi che e' riuscito a depredarci e con il povero sandro bondi a dirgli quanto e' bello e quanto e' bravo.


.

1 commento:

Ibadeth ha detto...

Dovrebbe. Ma non lo fa. Intanto perché sui TG più seguiti (1, 5 e 2) si è parlato poco di questa puzzolente storia; seconda cosa perché molti italiani lo invidiano, dicono che fa bene, vorrebbero essere al posto suo. Un po' gli italiani sono stati sempre un popolo allergico all'onestà e al rispetto delle regole, ma il berlusconismo ha fatto danni incalcolabili. Negli anni '70, con tutti i problemi che c'erano, si stava tentando faticosamente di dare agli italiani il senso civico; dagli anni '80 in poi tutto è andato sgretolandosi.
Mi auguro che Berlusconi sia finito; ma di certo non è finito il berlusconismo...