lunedì 13 luglio 2009

Consumatori difettosi.



"Il bene primario della società dei consumatori sono i consumatori; i consumatori difettosi sono il suo passivo più irritante e costoso."

Zygmunt Bauman.

Tutti i "diversi", i migranti, gli "zingari", i clochard, i poveri ed anche i pensionati, anche chi non ha un televisore, sono "consumatori difettosi" non hanno le risorse per spendere e finanziare il consumismo, l'ottimismo il "progresso". E quindi vanno allontanati, segregati, perseguitati, estirpati e nascosti ai consumatori "normali" che altrimenti perdono l'ottimismo che fa spendere e consumare.

Ci puo' essere un mondo in cui produrre/consumare/fatturare sempre di piu' non sia l'unica soluzione possibile?



.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi hai dato da pensare, e di questo ti ringrazio.

cosetta ha detto...

un tempo c'erano i cives,poi i salariati, tra cui anche i proletari, forti della prole.Oggi i cittadini sono semplici consumatori consumabili che spesso diventano consunti, mai congiunti né vengono ritenuti quei giunti attraverso cui la produzione si muove. Tempi di palude Stigia! Tempi di in-ci-viltà!.f.f.

Angelo del fango ha detto...

L'egoismo sta dilagando. Se eri per terra a Milano prima ti scavalcavano, ora prima ti danno un calcio e poi ti scavalcano.

tere ha detto...

Io credo che i consumatori difettosi facciano perdere l'ottimismo soprattutto e solo agli "utilizzatori finali" .....
Teresa